Il dono

 18,00  15,30

Il dono

Il “dono” che dà il titolo al romanzo è quella capacità di visione fatta di rimembranza e divinazione, creatività e immaginazione, è l’antidoto alla distruttività dei bombardamenti che devastano la città.

Descrizione

Un classico della letteratura inglese, finora inedito in Italia.

Londra, negli anni della Seconda guerra mondiale, nei momenti angosciosi di un devastante bombardamento notturno, Hilda Doolittle richiama alla mente frammenti di memoria del passato, ricordi suoi ma anche della madre, della nonna, delle antenate, ricostruendo in un intreccio assai coinvolgente le storie della sua famiglia e della comunità dei moravi arrivati nel continente americano.
Il “dono” che dà il titolo al romanzo è quella capacità di visione fatta di rimembranza e divinazione, creatività e immaginazione, è l’antidoto alla distruttività dei bombardamenti che devastano la città.
Il testo, che la stessa H.D. definì “quasi autobiografico”, fu composto tra il 1941 e il 1945 e pubblicato postumo nel 1982.

Titolo originale: The Gift
Traduzione: Marina Vitale
Note: La traduzione è stata realizzata con il contributo del Seps

ARTICOLI, RECENSIONI E…

Recensione
(Gabriele Ottaviani, Convenzionale, 1 gennaio 2016)

PRESENTAZIONI E DISCUSSIONI

Informazioni aggiuntive

Spese di spedizione

Gratis via Posta. Gratis con corriere se spendi più di 25 euro e 8 euro se spendi meno.

Tempi di spedizione

2-7 giorni lavorativi via Posta. 24-48 ore lavorative via Corriere.

Fatture

Per l’acquisto di libri materiali non viene emessa fattura in quanto l’IVA è assolta dall’editore ai sensi dell’articolo 74 D.P.R. 633/1972.Una fattura può essere comunque richiesta inoltrando una email a ordini@iacobellieditore.it

SCHEDA

  • Altezza : 23 cm
  • Larghezza : 16 cm
  • Pagine : 200
  • Data di pubblicazione : novembre 2012
  • Isbn : 9788862521802

BIO

Hilda Doolittle

Hilda Doolittle è una delle più raffinate autrici del primo Novecento. Poeta, romanziera, saggista fu legata sentimentalmente a Ezra Pound. A Freud, con cui fece analisi e che la definì “una perfetta bisessuale” H.D. ha dedicato lo scritto "Tribute to Freud".