14,00  11,90

Le lettere del mio nome

Un corpo a corpo con le parole delle maggiori scrittrici del Novecento.

Descrizione

«La mia vita è una storia di parole pensate», afferma Grazia Livi, giornalista, scrittrice e raffinato critico letterario. E con le parole e le vite delle maggiori scrittrici e protagoniste del Novecento – tra le quali Anna Banti, Virginia Woolf, Ingeborg Bachmann, Colette, Anna Frank, Carla Lonzi, Gianna Manzini, Gertrude Stein – si confronta in “Le lettere del mio nome”, romanzo-saggio che le valse il Premio Viareggio nel 1991 non solo per l’originalità dell’impianto ma anche per la sua forte cifra anticipatrice.
La nuova edizione del volume acquista maggior peso e stringente attualità ora che la letteratura a firma femminile è diventata oggetto di ricerca e studi in Italia e all’estero, oltre che di appassionata lettura da parte di nuove generazioni di donne e di critici che lavorano alla ridefinizione del canone letterario degli anni Duemila.

Postfazione: Liliana Rampello

ARTICOLI, RECENSIONI E…

Recensione
(Liliana Rampello, L’Indice, n. 12 del 2016)

Recensione
(Alessandra Farinola, Mangialibri, 28 ottobre 2015)

“Le lettere del mio nome”: ritratti di donne
(Giulio Gasperini, ChronicaLibri, 3 luglio 2015)

I saperi incandescenti delle altre
(di Alessandra Pigliaru, il Manifesto del 12 giugno 2015)

DISCUSSIONI E PRESENTAZIONI

Informazioni aggiuntive

Spese di spedizione

Gratis via Posta. Gratis con corriere se spendi più di 25 euro e 8 euro se spendi meno.

Tempi di spedizione

2-7 giorni lavorativi via Posta. 24-48 ore lavorative via Corriere.

Fatture

Per l’acquisto di libri materiali non viene emessa fattura in quanto l’IVA è assolta dall’editore ai sensi dell’articolo 74 D.P.R. 633/1972.Una fattura può essere comunque richiesta inoltrando una email a ordini@iacobellieditore.it

SCHEDA

  • Altezza : 23 cm
  • Larghezza : 16 cm
  • Pagine : 256
  • Data di pubblicazione : aprile 2015
  • Isbn : 9788862522656

BIO

Grazia Livi

Grazia Livi (1930-2015). Laureata in Filologia romanza con Gianfranco Contini, ha lavorato come giornalista inviata tra il 1960 e il 1970, per poi dedicarsi interamente alla scrittura. Tra i suoi titoli più noti, la raccolta di racconti "Vincoli segreti" (finalista al Premio Strega 1994), il romanzo "Lo sposo impaziente", i saggi "Da una stanza all’altra" (1984, 1992) e "Narrare è un destino" (2002).