14,00

Pianto di pietra

La Grande Guerra di Giuseppe Ungaretti

Descrizione

Il volume ricostruisce, con dettaglio quasi quotidiano, l’esperienza di Giuseppe Ungaretti, soldato nella Prima Guerra Mondiale. Nessuna biografia del poeta si era mai addentrata tanto nel grumo oscuro e fitto della sua esperienza bellica. Qui, finalmente, un attentissimo e inedito lavoro di ricerca permette di offrire una pressoché completa narrazione della vita del poeta, nel periodo fondamentale per la sua formazione umana e letteraria. Scopriamo allora che Ungaretti per più di tre anni ha fatto la guerra di trincea, sempre in prima linea, sempre da soldato semplice, prendendo parte a numerosi assalti, vivendo e subendo le cose atroci della prima guerra moderna. Conosciamo quindi la fragilità dell’uomo, il desiderio di annullarsi per recuperare le forze, ormai esaurite nei combattimenti. Ripercorriamo la genesi delle singole poesie di Ungaretti, che prendono forma da un vissuto reale, dal dato puramente biografico. Il volume offre infine la guida per un itinerario storico letterario, tra i luoghi di Ungaretti, proprio su quello che era il fronte del Carso.

Prefazione di Andrea Zanzotto.


ARTICOLI, RECENSIONI E…

Recensione
(Daniela Domenici, Daniela&Dintorni, 16 novembre 2018)

Estratto
(Letteratitudine, 12 novembre 2018)

Storia di Ungaretti, poeta in fanteria
(Filippo La Porta, Left, 9 novembre 2018)

PRESENTAZIONI E DISCUSSIONI

SCHEDA

  • Altezza : 23
  • Larghezza : 16
  • Pagine : 160
  • Data di pubblicazione : novembre 2018
  • Isbn : 9788862524490

BIO

Lucio Fabi

Lucio Fabi, storico e consulente museale. Ha pubblicato svariati libri sugli aspetti sociali e iconografici del primo conflitto mondiale, nei suoi aspetti scientifici e divulgativi. Si occupa della valorizzazione storica del territorio e ha collaborato all’allestimento di vari musei della Grande Guerra in Trentino, Veneto e Friuli Venezia Giulia. Svolge attività espositiva in Italia e all’estero. Principali pubblicazioni: Gente di trincea. La Grande Guerra sul Carso e sull’Isonzo, Mursia, Milano 1994; La prima guerra mondiale. Storia fotografica della società italiana, Editori Riuniti, Roma 1998; I Musei della Grande Guerra, Museo della Guerra, Rovereto 2000; Doppio sguardo sulla Grande Guerra, libro+dvd, La Cineteca del Friuli, Gemona 2006; Le strade della memoria. Itinerario storico e sentimentale sui luoghi della Grande Guerra, Persico, Cremona 2008; Il bravo soldato mulo. Storie di uomini e animali nella Grande Guerra, Mursia, Milano 2012; Soldati d’Italia. Esperienze, storie, memorie, visioni della Grande Guerra, Mursia, Milano 2014.

Nicola Bultrini

Nicola Bultrini, è nato nel 1965 a Civitanova Marche, vive e lavora a Roma. Ha pubblicato le raccolte di versi La specie dominante (Aragno 2014), La coda dell’occhio (Marietti 2011), I fatti salienti (Nordpress 2017), Occidente della sera (nell’VIII Quaderno Italiano di Poesia Contemporanea – Marcos y Marcos 2004). Scrive per il quotidiano Il Tempo e collabora con altre testate (tra cui la rivista “Poesia”). È presente nell’antologia Sulla scia dei piovaschi – poeti italiani tra due millenni (Archinto 2015). Come studioso della Prima Guerra Mondiale ha pubblicato vari saggi, tra cui La grande guerra nel cinema (Nordpress 2008), Gli ultimi - i sopravvissuti ancora in vita raccontano la grande guerra (Nordpress 2005), L’ultimo fante, la Grande Guerra sul carso nelle memorie di Carlo Orelli (Nordpress, 2004).